Impariamo a scrivere!

di

Nella mia esperienza di tirocinio prima, in quella lavorativa poi, ho potuto constatare quanto sia importante il pregrafismo per i bambini che frequentano l’ultimo anno della scuola dell’infanzia e che devono prepararsi all’ingresso nella scuola primaria… che per loro è la scuola dei “bambini grandi”!

L’apprendimento dell’aspetto grafico della scrittura non è spontaneo e, di conseguenza, va stimolato, guidato ed accompagnato nel suo sviluppo affinché giunga ad una completa maturazione; è un processo complesso, che dipende dal livello di sviluppo del bambino e dall’interconnessione tra capacità visive, motorie, linguistiche.

Fare pregrafismo significa perciò offrire al bambino l’opportunità di sviluppare le abilità grafomotorie, la coordinazione occhio-mano, la motricità fine, la capacità di gestire lo spazio sul foglio, abilità queste che incoraggiano il progressivo avvicinarsi del bambino alla scrittura. I materiali, che si possono trovare in internet o su manuali appositi, sono costituiti in genere da schede con linee da ricalcare (dritte, curve, verticali, orizzontali,...), percorsi, labirinti, disegni da colorare rispettando i contorni, fino ad arrivare alle prime lettere dell’alfabeto per avviare il bambino alla conoscenza del singolo grafema e del suono corrispondente.

È fondamentale che queste attività non diventino un compito noioso per il bambino, un mero apprendimento di procedure e di abitudini che rischiano di ridurre la scrittura alla semplice abilità di riconoscere e riprodurre forme. Per questo motivo, proponiamo attività di pregrafismo in forma di gioco, partendo dal naturale “scarabocchiare” del bambino, incoraggiando e sfruttando la sua spontanea curiosità nei confronti della scrittura, il suo desiderio di scoprire e di capire. Utilizziamo materiali di scrittura diversi, facendogli sperimentare i colori a dita, i pennarelli a punta fine e grossa, i gessetti, le matite e le biro. Possiamo poi incanalare tutto questo in un percorso di pregrafismo strutturato, che lo aiuti nello sviluppo del pensiero e delle sue abilità, sempre con l’obiettivo di favorire la sua crescita globale.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su Facebook.
Per non perdere gli aggiornamenti puoi fare Like alla mia pagina Facebook Il Giardino Pedagogico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Salvataggio del commento in corso...

Grazie per il tuo commento.

Il tuo commento è stato ricevuto correttamente e verrà visualizzato non appena verrà approvato dall'amministratore.