Mi racconti una fiaba?

di

Se volete che vostro figlio sia intelligente, raccontategli delle fiabe; se volete che sia molto intelligente, raccontategliene di più.

A. Einstein

Tempo fa, in un articolo dedicato alla lettura, avevo parlato dell’importanza di educare precocemente i bambini al leggere e più volte ho sottolineato quanto raccontare storie sia importante per accompagnarli nella crescita, per far emergere le emozioni non espresse a voce, per aiutarli a superare piccole difficoltà e fasi critiche dello sviluppo.

Come educatrice e pedagogista, amante della lettura, credo fortemente nel valore dei libri e penso che la lettura e il racconto debbano entrare a far parte della vita quotidiana delle famiglie fin dalla nascita (o perché no, anche prima!). Purtroppo non tutti i genitori di oggi hanno dimestichezza con fiabe e storie, hanno poco tempo; anche i nonni moderni tendono a raccontare poco ai loro nipotini. Fortunatamente esistono genitori e nonni attenti che raccontano e leggono libri ai bambini!

Con un po’ di attenzione, nei nostri paesi e nelle nostre città si possono scovare alcune iniziative dedicate alla lettura per i bambini: ad esempio alcune biblioteche organizzano momenti in cui lettori si mettono a disposizione per educare i bambini al fascino della lettura e dell’ascolto. Un programma molto interessante che desidero segnalarvi è Nati per leggere, attivo su tutto il territorio nazionale con circa 800 progetti locali che ha l’obiettivo di promuovere la lettura ad alta voce ai bambini tra i 6 mesi e i 6 anni. Come si può leggere sul sito internet, che vi invito a “esplorare” con attenzione, “Nati per leggere diffonde la lettura a bassa voce, la lettura di relazione. La voce di un genitore che legge crea un legame solido e sicuro con il bambino che ascolta. Attraverso le parole dei libri la relazione si intensifica, essi entrano in contatto e in sintonia grazie al filo invisibile delle storie e alla magia della voce”.

La voce ha dunque un compito fondamentale: è come una magia e contribuisce a rafforzare il legame adulto-bambino (parlo di adulto intendendo un genitore, un nonno, un insegnante e, perché no, una baby-sitter… tutti possono e devono raccontare!). Il narratore deve quindi prestare molta attenzione a come legge: deve entrare nella storia, essere coinvolgente e appassionato, attirare l’interesse del bambino modulando il tono della voce e animando la storia con i gesti e le espressioni del viso. In poche parole bisogna creare la giusta atmosfera!

Oltre a rafforzare il legame, leggere precocemente ai bambini ha innumerevoli vantaggi dimostrati da varie ricerche scientifiche:

  • il bambino che ascolta precocemente racconti e fiabe sviluppa un repertorio linguistico più ampio, cioè conoscerà e utilizzerà più parole;
  • è più abile nelle sue capacità espositive, sia oralmente che in forma scritta;
  • ha migliori capacità cognitive, di comprensione, di attenzione e di memorizzazione;
  • entra in contatto con le emozioni e sa dare voce a quelle non facilmente esprimibili attraverso i personaggi dei racconti, che in genere ne vivono una vasta gamma;
  • sperimenta la fiducia e si sente rassicurato, perché le fiabe hanno un lieto fine che risolve il problema raccontato.

Con tutti questi vantaggi, chi non è invogliato a leggere ai bambini una bella favola?

Per concludere mi piace riportare una similitudine degli scrittori Ongini e Pennac, che hanno paragonato la lettura a un virus che si propaga per contagio: i due autori hanno affermato che, quando i bambini vengono a contatto con genitori e insegnanti appassionati di lettura, ne restano inevitabilmente contagiati e scatta in loro una grande passione che li accompagnerà per tutta la vita.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su Facebook.
Per non perdere gli aggiornamenti puoi fare Like alla mia pagina Facebook Il Giardino Pedagogico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Salvataggio del commento in corso...

Grazie per il tuo commento.

Il tuo commento è stato ricevuto correttamente e verrà visualizzato non appena verrà approvato dall'amministratore.