Basta capricci!

di

Quante volte abbiamo avuto a che fare con bambini capricciosi o abbiamo ascoltato genitori che si lamentano perché il proprio figlio piange, urla, non vuole mangiare, non vuole andare all'asilo? In questi casi il bambino diventa sicuramente difficile da gestire e da controllare, ma alcuni piccoli accorgimenti possono aiutare a fronteggiare i momenti di capriccio:

  • innanzitutto dobbiamo essere consapevoli che il bambino fino ai 6-7 anni di età ha un cervello ancora immaturo e, pertanto, non sa ancora ben comprendere e gestire le proprie emozioni. Non dobbiamo quindi mai pensare che un bambino che fa i capricci sia un bambino "cattivo";
  • manteniamoci sempre autorevoli e non cediamo alle richieste fuori luogo: ciò significa essere adulti amorevoli, affettuosi, che nel contempo rappresentano per lui una guida sicura in grado di insegnargli che ci sono regole e limiti da rispettare;
  • parliamo con il bambino, spieghiamogli che comprendiamo la sua stanchezza o la sua rabbia ma facciamogli capire che il capriccio non è un buon modo per esprimerla; se diamo un nome alle emozioni che il piccolo sente, pian piano anche lui imparerà a verbalizzarle senza necessariamente ricorrere al capriccio e alle urla;
  • non cediamo alla tentazione del ricatto (“Se ti comporti bene ti compro un bel giocattolo”): al momento ci salviamo dal capriccio, ma il bambino non capirà ciò che va fatto e ciò che non va fatto e soprattutto perchè;
  • offriamogli sempre un’alternativa: se gli diciamo che una certa cosa non può farla, e lui non accetta questo di buon grado, spieghiamogli e mostriamogli quella che invece può fare;
  • troviamo il tempo di leggere con il bambino storielle e favole a tema, oppure drammatizziamo insieme a lui la situazione e le emozioni vissute servendoci di bambole o pupazzi; questa strategia è utile per insegnargli a verbalizzare il proprio vissuto e, al contempo, stimola le sue abilità espressive e linguistiche.
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo su Facebook.
Per non perdere gli aggiornamenti puoi fare Like alla mia pagina Facebook Il Giardino Pedagogico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Salvataggio del commento in corso...

Grazie per il tuo commento.

Il tuo commento è stato ricevuto correttamente e verrà visualizzato non appena verrà approvato dall'amministratore.