#scuola

  • Scuola: si ricomincia!

    Come ogni anno, l’estate sta per terminare e tra poco ricomincerà l’anno scolastico con tutto il suo carico di impegni, studio, compiti, verifiche ed interrogazioni. Ma anche il suo carico di amicizie, relazioni con i coetanei e con gli insegnanti, esperienze, uscite didattiche, gite. I bambini e i ragazzi con cui lavoro mi dicono di non avere moltissima voglia di ricominciare ma, allo stesso tempo, non vedono l’ora di ripartire per rivedere i propri compagni di classe. Oppure chi si appresta ad entrare in una nuova scuola, ad esempio passando dalla primaria alle medie, è in genere curioso. Come sarà la nuova scuola? Come saranno i professori e gli insegnanti? Sarà difficile studiare? Sicuramente iniziare un nuovo anno scolastico dopo la lunga pausa estiva può essere faticoso. Ecco quindi alcuni semplici consigli per iniziare nel migliore dei modi!

  • Non voglio andare a scuola!

    Succede a volte che un bambino non abbia voglia andare a scuola: piange, fa i capricci, dice di avere mal di pancia oppure mal di testa. Talvolta questi sintomi sono “inventati” (e sono una scusa per restare a casa), altre volte possono essere reali e quindi possono rappresentare una spia che ci dice che qualcosa effettivamente “non va”.

  • Per una scuola creativa

    La scorsa settimana, nel post precedente, avevamo iniziato insieme un excursus attraverso alcune delle strategie che possono aiutare un insegnante a rendere la lezione più accattivante e creativa: il Cooperative Learning, il gioco, la lettura di ciò che piace (senza imporre libri noiosi!). Quali altre strategie possiamo mettere in campo con gli studenti?

  • Studio e... ricordo!

    I piccoli studenti non devono essere lasciati da soli, ma devono essere accompagnati nelle loro prime esperienze di studio per acquisire gradualmente quelle abilità e competenze che saranno poi utili per uno studio sempre più approfondito e autonomo nei successivi gradi scolastici.